Il metodo di lavoro

L’OMS indica lo stato di salute come il benessere psichico, fisico e sociale, da qui comincia la riflessione su cui si è sviluppato uno scambio di informazioni professionali, che con il tempo, unendosi, hanno sviluppato un sistema le cui basi sono: lo yoga, la psicoterapia, la medicina complementare, la riabilitazione posturale, la danza e gli studi letterario filosofici.

La pratica dello yoga, disciplina portante della medicina ayurveda (scienza di lunga vita) è stata integrata attraverso un analisi approfondita medico scientifica, rendendola così più comprensibile e attuabile alla nostra cultura occidentale.

La danza, che da vita esprigiona la creativitò, libera forze che si avvicinano al piacere della bellezza e del gioco nel movimento dei corpi.

La psicoterapia, essenziale nel sostegno del lavoro sul corpo, agisce in profondità sul sistema somato – psichico, che viene stimolato, attraverso apposite tecniche, per mantenere e rafforzare l’equilibrio nella persona.

La complessità dell’individuo viene rispettata e accolta cercando di risvegliare la consapevolezza della connessione tra corpo e mente. La comprensione di questa stretta unione, sistema mente-corpo, ha fatto evolvere la nostra ricerca nella direzione di un lavoro biunivoco, dove abbiamo osservato e sperimentato come, attivando il corpo, c’era un cambiamento dello stato psichico ; lo stesso avviene agendo a livello psichico dove  attraverso varie tecniche e terapie si producono cambiamenti a livello corporale. La plasmabilità di questo sistema mente-corpo ci ha stimolato  in una ricerca profonda, in una scoperta continua che fonda le sue radici nell’ascolto.

L’ascolto privo di schemi rigidi, lasciando andare sempre più le nostre conoscenze professionali, ci ha permesso di approdare ad intuizioni che poi abbiamo elaborato, strutturato e studiato con atteggiamento critico e analitico. Molte scoperte, anche scientifiche, fondano le origini da un ascolto quanto più neutro e libero che attraverso un’intuizione si esprime. Questo è ciò che il nostro gruppo di lavoro ha sperimentato e sperimenta crescendo ogni giorno.

Abbiamo sistemizzato il lavoro a cui siamo approdati per poter sviluppare le intuizioni che sono emerse. L’approccio di riordinare le informazioni emerse da questo percorso è stato necessario affinché potesse essere accessibile a più persone e questo è avvenuto grazie alla collaborazione stretta e quotidiana di figure professionali che seppur distinte avevano come unico obiettivo scoprire al di là delle proprie conoscenze…“La Vita”.

ll metodo VitalaYoga® si basa e articola su 12 tipologie di attività tra di loro integrate:

1 – Posizioni volte alla ricerca dell’equilibrio statico-dinamico e della forza muscolo-scheletrica;

2 – Sequenze dinamiche volte ad attivare o a scaricare, a seconda dei casi, il sistema mente-corpo;

3 – Tecniche respiratorie specifiche: respiro puro, respiro in associazione al movimento consapevole etc.;

4 -Ascolto profondo dei recettori propriocettivi attraverso il contatto del corpo con l’aria e la terra;

5 -Lavoro sul suono, sia cantato sia ascoltato;

6 – Utilizzo del mantra, come strumento di ricentratura dell’individuo sul piano psichico;

7 -Tecniche di rilassamento utili alla risoluzione anche di specifiche patologie, come insonnia, ansia , sindrome da iperattività etc.;

8 – Lavoro di riequilibrio posturale, specifico per superare il disequilibrio corporeo;

9 – Tecniche di concentrazione volte alla focalizzazione mentale di un oggetto (interno, esterno etc.);

10 – Studi e ricerche ai fini di un’alimentazione più sana ed equilibrata;

11- Tecniche per la detossificazione degli organi interni;

12 – Rinforzo del sistema muscolare a sostegno del sistema scheletrico, al fine di modificare e correggere gli errori, sempre più frequenti, di postura individuale.